Assunzioni extra di polizia municipale PDF Stampa E-mail

... nei tetti  di spesa  di personale
Le assunzioni di polizia locale effettuate in base all'articolo 35-bis del decreto sicurezza sono sempre da contenere nei vincoli di spesa di personale previsti dall'articolo 1, commi 557 e 562, della legge 296/2006. Lo ha affermato la Corte dei conti Lombardia con la deliberazione n. 49/2019. Indicazione importante
Si tratta di un'altra importante indicazione che, in aggiunta a quella espressa solo alcuni giorni fa dagli stessi magistrati contabili lombardi , consente agli enti locali, che intendono avvalersi della norma di maggior favore prevista dal decreto sicurezza, di avere un quadro più chiaro su come operare.
La richiesta di parere
Un ente locale, nel rilevare che l'articolo 35-bis del decreto sicurezza ha previsto espressamente che le assunzioni possono essere fatte «fermo restando il conseguimento degli equilibri di bilancio», ma non anche il rispetto dei vincoli in materia di spesa di personale contenuti nell'articolo 1, commi 557 e 562 della legge finanziaria del 2007, formula richiesta di parere ai magistrati contabili lombardi, chiedendo se il valore della spesa destinata alle assunzioni di personale appartenente alla polizia municipale possa essere fatta in deroga ai predetti vincoli di spesa di personale. E, in caso di risposta affermativa, se tale deroga ai summenzionati vincoli di spesa di personale operi anche nel caso in cui si proceda all'assunzione tramite mobilità volontaria in entrata.
La risposta
I magistrati contabili non hanno dubbi. I vincoli imposti dal legislatore statale sulla spesa del personale rappresentano principio di coordinamento della finanza pubblica, salvo eventuali deroghe previste dalla legge. Pertanto, le assunzioni extra di polizia municipale che gli enti locali intendono effettuare avvalendosi del decreto sicurezza, devono avvenire nel rispetto dei vincoli di spesa di personale che per i Comuni oltre i mille abitanti è dato dalla media delle spese di personale del triennio 2011/2013, mentre per i Comuni fino a mille abitanti dal «tetto» del 2008. Solo esplicite deroghe del legislatore, come ad esempio quelle dell'art. 1 comma 557-bis, sono quindi possibili. Il summenzionato principio vale anche nel caso in cui all'assunzione si provveda tramite l'istituto della mobilità.

 

Link consigliati

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Abarto SEO SEO
Adami Mementa SEO hjemmeside