Insegnanti di religione PDF Stampa E-mail

Il contratto deve essere annuale
Il Comune non può stipulare contratti a termine inferiori all'anno per gli insegnanti di religione delle scuole di infanzia. Difatti, l'articolo 309 del Dlgs 297/1994 (Testo unico in materia di istruzione) impone al capo d'istituto di conferire incarichi annuali per l'insegnamento della religione cattolica, nonché stabilisce il principio della totale equiparazione dei professori di questa materia con la restante componente docente. È quanto si afferma nella sentenza n. 28939/2019 della Cassazione. La questione
La controversia trae origine dalla domanda con la quale diverse insegnanti di religione citavano in giudizio il Comune di Roma, presso le cui scuole dell'infanzia le stesse avevano prestato attività di lavoro subordinato, dopo aver stipulato contratti a tempo determinato inferiori a un anno. Le maestre lamentavano la violazione dell'articolo 309 del Dlgs 297/1994 che, in relazione all'insegnamento della religione cattolica, prevede il conferimento di incarichi annuali, e chiedevano così il pagamento delle differenze retributive. Il Comune capitolino, dal canto suo, si è difeso sostenendo che il conferimento di incarichi inferiori all'anno fosse una necessità dovuta al fatto che solo dopo l'inizio dell'anno scolastico era possibile conoscere l'esigenza effettiva del fabbisogno da destinare all'insegnamento della religione cattolica.
La decisione
Dopo un doppio verdetto di merito favorevole alle insegnanti, la questione è giunta in Cassazione, dove i giudici di legittimità confermano quanto già stabilito sottolineando la necessaria annualità dell'incarico e l'esigenza di non discriminare gli insegnanti di religione rispetto agli altri docenti. La Suprema corte ha affermato che l'articolo 309 del Dlgs 297/1994, come ribadito anche dall'articolo 47, comma 6, del contratto comparto scuola del 1995, è chiaro nell'affermare il principio dell'annualità dell'incarico dell'insegnamento della religione cattolica. I Comuni, pertanto non possono derogare a questa regola e sono in ogni caso tenuti ad «assicurare l'insegnamento religioso nelle scuole dell'infanzia mediante contratti a termine di durata inferiore all'anno».
Di conseguenza, conclude il Collegio, le insegnanti devono essere retribuite per tutta la durata dell'incarico annuale e devono percepire il medesimo trattamento economico riservato agli altri docenti.

 

Link consigliati

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Abarto SEO SEO
Adami Mementa SEO hjemmeside